Ciak, Azione!

Pubblicato il: 01.06.2016

C’era un pugile che durante un incontro stava soccombendo dinanzi al suo avversario, era ricoperto di sangue e continuava a prenderle di santa ragione.

Una tifosa che stava guardando il match con un prete, disperata chiede al suo amico: “Vero che vincerà?”

“Mi dispiace, non posso saperlo” le risponde

La donna, agitata, incita il prete: “Fai qualcosa per lui, prega che vinca”

Allibito il prete conclude dicendole: “io posso anche pregare, ma se lui non inizia a dare pugni non vincerà mai!”

 

Situazioni analoghe ci capitano di continuo, situazioni in cui speriamo che accada qualcosa di straordinario senza che noi impieghiamo il minimo sforzo: la persona con cui vorremmo stare ci scriva, che uno sconosciuto ci proponga il lavoro dei nostri sogni, che un famigliare/moglie/marito/amico capisca esattamente a cosa pensiamo e cosa dovrebbe fare di conseguenza, che una terza persona ci dica cosa dobbiamo fare per i nostri problemi,…

 

John Charles Salak ha detto “I falliti si dividono in due categorie: coloro che hanno agito senza pensare e coloro che hanno pensato senza agire.”

 

Finché saremo nella categoria del pensare e pretendere senza agire rimarremo nella categoria dei “falliti” nel senso che in quell’occasione avremo fallito ad avvicinarci verso la realizzazione della nostra vita ideale.

Pensa cosa vuoi, definiscilo con chiarezza, percepisci tutte le emozioni che potrebbe essere generate e chiediti se sei disposto a fare tutto ciò che è necessario a realizzarlo, e per finire AGISCI.

“Se vuoi che la tua vista sia una magnifica storia, allora inizia a realizzare che sei tu l’autore” Mark Houlahan