Career Coaching


Il career coaching è il supporto che un coach dà ad un coachee nella sua area professionale, esistente o ancora da trovare. Si può essere un neolaureato, ancora uno studente, una persona che é insoddisfatta del proprio lavoro o magari che stanno vivendo un cambiamento che non avevano previsto come una promozione o un trasferimento. E ancora magari un disoccupato che ha difficoltà a trovare la sua strada, o magari una casalinga che vuole rientrare nel mondo del lavoro. In pratica tutti coloro che hanno confusione sul loro futuro lavorativo o ne sono insoddisfatti. 

 

Le cause dei disagi possono essere:

  1. avvenimenti congiunturali al di fuori del luogo di lavoro (andamento negativo dell’economia, maggior afflusso di manodopera estera,…) che creano insicurezza
  2. cambiamenti interni alla società (promozione, ristrutturazione aziendale,…) 
  3. nuove valutazioni da parte della persona sul suo stato di dipendente (ruolo all’interno dell’azienda, quanto si sente realizzato, quanto si sente apprezzato,…)
  4. insoddisfazione delle proprie scelte di studio
  5. cambiamento nelle priorità di vita
  6. e molto altro

In tutti casi, spesso il problema principale è il fatto che si riscontra poca fiducia sulle proprie competenze professionali e sul proprio potenziale.

  • “Mancano pochi mesi alla fine della scuola e io non so ancora cosa voglio fare come lavoro”
  • “Con questi titoli di studio chi mi vorrà?!”
  • “Questo lavoro non mi piace, voglio altro dalla vita, ma cosa posso fare?”
  • “Il mese prossimo inizio il mio nuovo ruolo, questa promozione mi agita!”
  • “Che noia è lunedì, un altro inizio di settimana in questo bel posto di lavoro…”
  • “Sarò in grado di rispettare le loro aspettative?”
  • “C’è talmente tanta gente che cerca lavoro, possono licenziarmi in qualsiasi momento”

Questi sono alcuni esempi di quello che diverse persone pensano sul proprio lavoro o sul proprio stato di preparazione. Le paure spesso annebbiano il nostro futuro, facendoci sentire deboli e insicuri evitandoci di percepire alcuna via d’uscita.

È in questi momenti che può servire un distacco dal mondo esterno per concentrarsi su se stessi, sui propri bisogni, su ciò che ci rende felice e quanto sono in linea con i nostri valori o le nostre credenze. Il tutto ci porta automaticamente ad un benessere a 360°.

Il compito del coach é proprio questo, aiutare la persona a capire cosa vuole (il suo obiettivo) e dove si trova attualmente (il punto di partenza), per poi pianificare come raggiungerlo e cosa evitare.